Stephanie Chase è conosciuta in tutto il mondo come "uno dei più grandi violinisti della nostra epoca" (Newhouse Newspapers). Ha suonato da solista con più di 170 orchestre, fra cui la New York e Hong Kong Philharmonics e le Chicago, San Francisco, Atlanta, Baltimore, e London Symphony Orchestras. Le sue interpretazioni sono riconosciute per le loro "eleganza, flessibilità, vitalità ritmica, e grande fantasia" (Boston Globe) "la potenza impressionante" (Louisville Courier-Journal), "la tecnica unica" (BBC Music Magazine), "un virtuosismo da vendere" (Gramophone) e "una grande intensità e suono, l'ideale del violinista moderno" (The Baroque Cello Revival, Paul Laird).

 

Vincitrice al VII Concorso Tchaikovsky a Mosca, Stephanie Chase ha suonato in venticinque paesi diversi in tutto il mondo ed ha ricevuto il prestigioso Avery Fisher Career Grant.

 

Ugualmente a suo agio con il repertorio virtuosistico, la musica antica filologica e la musica contemporanea, ha un repertorio di più di sessanta concerti insieme ad altre opere per violino e orchestra. Come solista ha collaborato con dei grandi direttori come Zubin Mehta, Leonard Slatkin, Herbert Blomstedt, Marin Alsop, Enrique Diemecke, Christopher Hogwood, Hugh Wolff e Stanislaw Skrowaczewski. Con il direttore Kenneth Schermerhorn è stata solista con la Hong Kong Philharmonic nell'occasione della sua prima tournée in Cina.

Recentemente i suoi concerti sono stati definiti come " l'avvenimento della musica classica di questo decennio", (Courier-Journal, Louisville), "Venti Concerti che bisogna sentire questo autunno" (Radio WQXR) e "La Scelta delle Critiche" (Musical America). La sua incisione del concerto di Beethoven, la prima mondiale con gli strumenti originali e con le cadenze scritte da lei, è definita "una delle venti migliori interpretazioni del Concerto di Beethoven nella storia del disco" (Beethoven: Violin Concerto; Cambridge University Press). Ha avuto la più alta classificazione possibile da BBC Music Magazine e Classic CD ed è stata premiata con il CD del Mese dalle due sopracitate pubblicazioni. Altri dischi e cd incisi da Stephanie Chase, fra cui alcune prime mondiali, hanno ottenuto riconoscimenti importanti da Stereophile e Gramophone. Amante della musica contemporanea, Stephanie Chase ha eseguito delle prime mondiali di musica di importanti compositori come Earl Kim, Edward Applebaum, Joan Tower, Yehudi Wyner, Richard Pearson Thomas, e Taavo Virkhaus.Suona spesso come solista e direttore ed è anche molto apprezzata come arrangiatrice. I suoi arrangiamenti sono stati apprezzati dalle critiche ed eseguite per il Perlman Music Program, l'American String Project, la San Jose Chamber Orchestra, il Music of the Spheres Society, e tanti altri.

 

Conosciuta anche come camerista, ha tenuto concerti alle stagioni Bravo! Vail, Kuhmo, Bargemusic, e Caramoor. È direttore artistico del Music of the Spheres Society, un'organizzazione che presente concerti di musica da camera e dibattiti che sono dedicati " all'esplorazione del legame fra musica, filosofia e le scienze" (The New Yorker).

 

Nata nell'Illinois, i suoi primi insegnanti sono stati sua madre e Sally Thomas dello Juilliard School. Stephanie Chase era già conosciuta come prodigio dai suoi primi concerti che ha fatto già all'età di due anni. Ha fatto il suo debutto all'età di otto anni con la Chicago Symphony e ha cominciato a fare delle tournée quando era ancora adolescente. Il suo debutto alla Carnegie Hall si è svolto a diciotto anni seguito dagli studi di perfezionamento del violino con Artur Grumiax e musica da camera al Marlboro Festival.Occupa la cattedra di violino e musica da camera a New York University ed è stata invitata a tenere dei master class ai conservatori più prestigiosi compresi la Mannes School of Music, University of Texas at Austin, la Frost School del University of Miami, e il San Francisco Conservatory. Fa spesso parte delle giurie dei concorsi allo Juilliard School e recentemente ha giudicato concorsi compresi Concorso Postacchini a Fermo, Italia, Concert Artists Guild String Competition, Hudson Valley String Competition, e il Cooper International Violin Competition. Dal 2012, è consulente musicale per Dover Publications e i suoi articoli sono stati pubblicati da The Strad e Strings Magazine. Ci sono stati numerosi articoli che parlano di Stephanie Chase in vari giornali di tutto il mondo e in pubblicazioni musicali come The Strad e Musical America. E' stata anche intervistata più volte per la televisione nazionale.

 

Stephanie Chase suona un violino di Pietro Guarneri del 1742 e un'arco di Dominique Peccatte.

  • Facebook Classic
  • Twitter Classic
  • c-youtube
  • SoundCloud Social Icon

FOLLOW ME

© 2019 Stephanie Chase